Kapuściński – L’incontro con l’Altro
E dunque, ogni volta che l’uomo ha incontrato l’Altro si è trovato di fronte a tre possibilità: poteva scegliere la guerra, poteva circondarsi con un muro, poteva instaurare un dialogo.
Nel corso della storia l’uomo ha sempre esitato di fronte a queste opzioni: ne ha scelta l’una o l’altra a seconda dell’epoca e della cultura. Nelle sue scelte lo vediamo mutevole, non sempre si sente sicuro, a volte sente mancargli il terreno sotto i piedi.
E’ difficile giustificare la guerra: io credo che la perdano tutti perché essa è la sconfitta dell’essere umano, ne mette a nudo l’incapacità di intendersi con l’Altro, di sentirsi nell’Altro, l’incapacità alla bontà e alla ragione. In tal caso, di solito, l’incontro con l’Altro si conclude con il dramma e la tragedia del sangue e della morte.